Tag Terre e Rocce da Scavo

  • Campionamento delle terre e rocce da scavo - delibera SNPA n. 54/2019

    04/07/2019

    Il Consiglio del Sistema Nazionale Protezione Ambientale SNPA, con la delibera n. 54 del 09/05/2019, ha fornito indicazioni in merito alle modalità di campionamento delle terre e rocce da scavo.
  • Materiali di riporto - importanti chiarimenti del Consiglio SNPA

    03/07/2019

    Il Consiglio del Sistema Nazionale Protezione Ambientale SNPA (ISPRA + ARPA), con la delibera n. 54 del 09/05/2019, ha fornito importanti chiarimenti in merito alla gestione delle matrici materiali di riporto rinvenute negli scavi.
  • Trattamento a calce o cemento delle terre da scavo – chiarimenti SNPA

    20/06/2019

    Il Consiglio del SNPA (Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale), con delibera n. 54/2019, ha stabilito che, nonostante il D.P.R. n. 120/2017 abbia eliminato il trattamento di stabilizzazione a calce o cemento delle terre e rocce da scavo dall’elenco dell’Allegato 3 al decreto in parola riguardante la “normale pratica industriale”, detti trattamenti sono ancora consentiti se si rispettano determinate e nuove condizioni.
  • Chiarimenti sulla mancata o tardiva presentazione della D.A.U.

    12/10/2018

    La mancata o tardiva presentazione della D.A.U. comporta la cessazione della qualifica di sottoprodotto. In tali situazioni, per rimanere nel regime dei sottoprodotti e non in quello dei rifiuti, si deve dimostrare, tramite analisi di laboratorio, l’assenza di contaminazione del materiale da scavo utilizzato. Il materiale da scavo non contaminato che alla data di scadenza del piano di utilizzo/dichiarazione di utilizzo fosse ancora a deposito e quindi non utilizzato, dovrà essere gestito come rifiuto.
  • Mancata o tardiva presentazione della D.A.U. terre e rocce da scavo

    19/07/2018

    Al termine delle operazioni di utilizzo delle terre e rocce da scavo è obbligatorio trasmettere agli Enti preposti l’apposita “Dichiarazione di Avvenuto Utilizzo” (D.A.U.). La mancata o tardiva presentazione della citata dichiarazione comporta l’immediata cessazione della qualifica di sottoprodotto e pertanto le terre e rocce da scavo tornano ad essere considerate rifiuto.